Malta: crolla la “Finestra azzurra”

La finestra di Dwejra, conosciuta anche come la Finestra Azzurra, è cascata stamattina a causa delle cattive condizioni metereologiche e al progressivo deterioramento della intera struttura, dopo anni di erosione.

Il famoso monumento naturale, che è stato usato molte volte come scenario nelle produzioni cinematografiche e in diverse serie TV anche recenti, non esiste più. Il geologo Dr. Peter Gatt afferma che non è caduto l’arco, ma il pilastro che supportava l’intera struttura.

La finestra di Dwejra, nella parte occidentale di Gozo, era uno dei simboli più conosciuti dell’arcipelago Maltese, usato frequentemente nel materiale pubblicitario per attrarre turisti a Malta.

A comunicare per primo la notizia è stato il Primo Ministro Joseph Muscat con un tweet sul quale ha scritto sul suo account “Sono appena stato informato che la nostra splendida Tieq tad-Dwejra è collassata”.

La notizia si è velocemente diffusa a macchia d’olio. Molti abitanti Gozitani e Maltesi che si trovavano nell’isola questa mattina sono subito affluiti nell’area per osservare il cambiamento avvenuto durante la notte.

La polizia ha immediatamente richiamato le persone a mantenersi lontano dall’area.

Nel corso degli anni l’arco naturale ha continuato a sgretolarsi tanto che il governo recentemente ha emesso un’ordinanza per impedire alla gente di oltrepassare l’arco.

Inoltre sono state collocate delle segnalazioni per avvisare le persone di non oltrepassare la finestra o di saltare giù dall’arco con una multa prevista di 1500 € ai trasgressori.

Ma il mare forte che ha infierito sull’intera struttura per centinaia di anni e la forte burrasca che imperversava ieri notte, hanno avuto il sopravvento cancellando per sempre la Finestra Azzurra.

Il geologo Dr. Peter Gatt, che ha condotto uno studio per conto del governo maltese sulla Finestra Azzurra, ha dichiarato che a collassare non sia stato l’arco ma l’intera struttura portante.

L’intera equipe di geologi aveva monitorato tutte le difficoltà riscontrate nell’area e l’impossibilità di consolidare l’arco. Secondo il Dr. Gatt il crollo dell’intera struttura è riconducibile all’erosione causata dal moto ondoso sia sopra che sotto il livello del mare.

Il Dr. Gatt ha dichiarato che da anni fosse risaputo che un giorno o l’altro l’arco sarebbe caduto, ma ci si aspettava che avesse ancora dei decenni di vita.

Invece la natura ha fatto il suo corso sorprendendo tutti questa mattina facendo crollare tutta la struttura. Le previsioni comunque erano corrette visto che a cadere non è stato l’arco ma la struttura portante.

Non si conoscevano quali fossero le condizioni reali della base della struttura ed una volta collassata si è portata giù anche la finestra di Dwejra, conosciuta come Finestra Azzurra.

La Finestra Azzurra prima e dopo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>