Malta: elezioni anticipate il 3 giugno

Malta andrà al voto anticipato, prima della scadenza del semestre di presidenza Ue. Il Primo ministro di Malta, Joseph Muscat, dopo aver chiesto alla presidente della Repubblica, Marie-Louise Coleiro Preca, lo scioglimento del Parlamento con 8 mesi di anticipo rispetto alla naturale scadenza, ha indetto a sorpresa elezioni anticipate per il 3 giugno.

Le opposizioni hanno chiesto le sue dimissioni dopo aver accusato la moglie di detenere società offshore a Panama. Sia Muscat che la consorte negano i fatti ma intanto l’inchiesta è già partita.

Lo scandalo è emerso quando, il mese scorso, la blogger Daphne Caruna Galizia ha diffuso la notizia dopo aver scoperto alcuni documenti dei Panama Papers che incastravano Muscat e la moglie.

L’esponente labourista è stato di recente lambito dalle rivelazioni sui Panama Papers che riguardano la sua famiglia e per le quali il capogruppo del Ppe al Parlamento europeo, Manfred Weber, aveva chiesto le dimissioni del presidente di turno dell’Ue.

“Tutti sanno degli attacchi che io e la mia famiglia abbiamo dovuto subire in questi giorni”, dice Muscat, “Ma non ho paura della verità perché è dalla mia parte e io mi considero pulito. Adesso il mio obiettivo non è quello di proteggere me stesso ma il mio paese”.

“Non possiamo lasciare che l’economia di Malta possa risentire di questa falsità”. “Sono pulito e non ho niente da temere”, ha dichiarato il capo dell’esecutivo di La Valletta sulla vicenda, aggiungendo di volere comunque elezioni anticipate per capire se può ancora contare sul consenso degli elettori.

Consenso che, stando ai più recenti sondaggi, dovrebbe comunque valergli la maggioranza.Il partito labourista di Muscat è infatti in vantaggio per la buona gestione dell’economia.

Il paese infatti sta attraversando un record quanto a calo della disoccupazione e una crescita economica del 3.5 percento, che sono un miraggio per le vicine Italia e Grecia.

Ma gli oppositori, dalla scorsa settimana, stanno rincarando le accuse. Il leader dell’opposizione, Simon Bussutil, lunedì scorso ha dichiarato ai media che Muscat è “la macchia di quattro anni di corruzione”. Secondo le rivelazioni dei Panama Papers, sia il Ministro dell’Energia che il Capo di Gabinetto, avevano aperto società offshore a Panama.

muscat-con-moglie-

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>