115 Azzurri parteciperanno a Special Olympics 2019

I Giochi Mondiali Special Olympics è il più grande evento umanitario e sportivo del mondo del 2019. Quest’anno l’evento si terrà ad Abu Dhabi è uno dei sette emirati negli Emirati Arabi Uniti, nonché la capitale. L’evento è caratterizzato da sette giorni di gare in 24 discipline sportive. Migliaia di persone prenderanno parte o guarderanno i Giochi. Si attendono circa 7.000 atleti Special Olympics e i loro 2.500 coach.

Abu Dhabi coinvolgerà circa 20.000 volontari e fino a 500.000 spettatori. Le famiglie degli atleti saranno 6.000. E c’è da aspettarsi che oltre 2.000 giornalisti, fotografi, videomaker e blogger seguiranno l’evento per i media internazionali.
Ci sono sport sul campo: calcio, badminton, pallacanestro, beach volley, bocce, pallamano, ping pong, tennis e pallavolo. Ci sono gare di atletica, ciclismo, kayak, nuoto in acque libere, pattinaggio a rotelle, vela, nuoto e triathlon. E poi ancora equitazione, judo, ginnastica artistica e ritmica. A completare l’elenco ci sono il bowling, il golf e il powerlifting.

La Delegazione Italiana che parteciperà ai Giochi Mondiali di Abu Dhabi è composta da 115 atleti, 39 tecnici e 3 delegati per un totale di 157 azzurri.
Nico de Corato  ha intervistato alcuni atleti che  si sono distinti per il loro percorso sportivo, valutato unicamente per la determinazione, la costanza, il coraggio e l’impegno profusi in allenamento come in ogni gara.
Questi atleti meritevoli, hanno ricevuto una grande opportunità e cioè quella di vivere un’esperienza di autonomia unica e irripetibile.
Special Olympics Italia promuove la Campagna di raccolta fondi ADOTTA UN CAMPIONE con l’ambizioso obiettivo di coprire le spese della trasferta degli atleti italiani che rappresenteranno il nostro Paese all’evento.

“I Giochi Mondiali Special Olympics ad Abu Dhabi sono la scelta ideale, rivoluzionaria per il nostro Movimento e per la regione del Medio Oriente” – ha detto Timothy Shriver, Presidente di Special Olympics – “Non esiste posto migliore di Abu Dhabi per invitare il mondo ad unirsi a celebrare lo sport, a celebrare le persone di tutte le culture e le abilità, per dimostrare al mondo che le divisioni possono essere cancellate. Siamo entusiasti all’idea di essere i primi promotori di un evento mondiale multidisciplinare di questa grandezza organizzato nell’area Medio Orientale del Mondo “.

Guarda l’intervista video:

 

Intervista ad Abu Dhabi

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>