Continua il maltempo a Malta fino a domenica

Febbraio, è stato il secondo mese più freddo mai registrato dall’ufficio meteorologico di Malta con forti venti che hanno colpito l’arcipelago e violente mareggiate. È stato anche il secondo mese più piovoso dal lontano 1923.
Il mal tempo che ha colpito Malta il 23 e 24 febbraio ha causato danni di circa 118.500 € al settore dei trasporti, con la distruzione di due pensiline per autobus e la caduta di muri.

Il ministro dei trasporti, Ian Borg, ha dichiarato che dopo l’allerta meteo sul possibile peggioramento del tempo, il personale era pronto per le operazioni di risanamento. Le operazioni sono state coordinate tra il ministero, Transport Malta, il Dipartimento della Protezione Civile, la polizia e la divisione pulizia
Le strade stesse non hanno riportato alcun danno materiale. Tuttavia, a parte le due pensiline degli autobus che sono state distrutte, diversi segnali stradali sono caduti o piegati e alcune pareti sono cadute in vari punti. Anche una barriera di sicurezza sul lato della strada si è staccata dal terreno ed è finita in mezzo alla corsia, rendendo necessaria la chiusura della strada fino a quando il pericolo è stato sventato.

La gente dovrà ancora indossare le giacche a vento ed usare l’ombrello. Forti venti, raggiungeranno forza 6. I venti, così come le piogge, dovrebbero continuare almeno fino alla fine di questa settimana.
A Sliema oggi, i forti venti hanno fatto allagare il club di pallanuoto della città, mentre i passanti lungo la strada tenevano le loro felpe con cappuccio e guardavano le onde che si infrangevano a riva.

Secondo l’Ufficio meteorologico vento e pioggia sono previsti per giovedì, ma la forza del vento scenderà gradualmente fino a tre sulla scala di Beaufort. Forti piogge sono previste per venerdì quando il vento raggiungerà nuovamente la forza 6. I venti continueranno anche sabato e ci saranno dei rovesci isolati.
Si prevede pioggia anche domenica prossima.

fonti: varie

pensilina autobus                        foto: Times of Malta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>