Proposta la metropolitana a Malta

La proposta di una metropolitana per l’isola ha catturato l’interesse del pubblico. Un treno metro potrebbe collegare la piazza Triton di Valletta all’aeroporto in 15 minuti o il centro di Victoria a Gozo in appena mezz’ora.
A lanciare l’idea è stato Konrad Xuereb, direttore di KonceptX, una società di ingegneria con uffici a Malta e Londra. Secondo Konrad, la metropolitana a Malta è fattibile e potrebbe risolvere molti dei problemi legati al traffico e all’inquinamento dell’isola.

In sostanza, l’architetto propone una rete metropolitana da realizzare in tre fasi. La prima fase potrebbe richiedere solo cinque anni per essere completata. I lavori saranno eseguiti con l’utilizzo di due frese meccaniche a piena sezione, che permettono la meccanizzazione completa dello scavo delle gallerie e la realizzazione del rivestimento delle stesse.  Per la seconda e la terza fase sarebbero previsti due e tre anni rispettivamente.

Il tratto della prima fase, circa 25 km, dovrebbe collegare Mellieħa a Birżebbuġa.  Sono previste fermate nei densi centri urbani: St Paul’s Bay, Pembroke e Paceville, St Julian’s, Sliema, Msida, all’Università di Malta e l’ospedale Mater Dei, La Valletta, Paola e Żejtun.
Il tratto della seconda fase di circa 10 km, dovrebbe collegare l’aeroporto a St Paul’s Bay a nord, consentendo alla metropolitana di formare un anello e collegare altri densi centri urbani tra cui Qormi, Birkirkara,
Il tratto della terza fase di circa 15 km, si estende tra Mellieħa e Gozo, e collega Xewkija, Rabat e Marsalforn all’isola sorella Gozo.

Il dott. Xuereb prevede che gli scavi per l’intera rete metropolitana, incluse le 20 stazioni proposte per Malta e Gozo, potrebbero generare da tre a quattro milioni di metri cubi di terra in rifiuti.
La maggior parte degli scarti inerti provenienti dalla costruzione della metropolitana di Malta, potrebbe essere utilizzata strategicamente per la bonifica di terreni e per formare una riserva naturale o un parco eolico offshore.
Viaggiando in metropolitana da La Valletta all’aeroporto occorrerebbero 15 minuti

Il dott. Xuereb ha affermato che il tunnel della metropolitana di Malta si troverebbe prevalentemente a una profondità di circa 25 metri sotto il livello del suolo e pertanto, la costruzione del tunnel non disturberebbe i terreni superficiali e gli strati geologici superiori sui quali potrebbero trovarsi resti archeologici ancora sconosciuti.
Secondo Xuereb, è meglio una linea metropolitana invece del tunnel Malta-Gozo. Una rete metropolitana ridurrebbe drasticamente il numero di auto sulla strada, riducendo l’inquinamento dei veicoli, con significativi risparmi sui costi dell’assistenza sanitaria e una maggiore qualità della vita.

fonti: varie

 

Treno metro

 

Sistema Metro Malta

                                     foto: Times of Malta

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>